officialwebsite

SICUREZZA ATTIVA E PASSIVA SUGLI AUTOVEICOLI

Sicurezza attiva

Per sicurezza attiva dobbiamo intendere tutti gli elementi tecnici che servono ad evitare il verificarsi di un incidente,

Questi sistemi sono quindi di tipo preventivo ed aiutano il conducente a controllare il veicolo in condizioni critiche o estreme. L’ elemento più importante è il conducente, la cui condizione psicofisica e la sua concentrazione sono la maggiore garanzia della sicurezza, perché essa si manifesta con la capacità di prevenire eventuali situazioni pericolose o critiche e quindi il suo comportamento risulta determinante.

I veicoli sono costruiti in modo da garantire l’ aderenza, la stabilità e mantenere un assetto costante sui vari percorsi, in curva , in accelerazione, in frenata o comunque di ritrovarlo con piccole correzioni del conducente.

Oltre a questi sistemi strutturali sono stati adottati sistemi meccanici ed elettronici per migliorare la sicurezza preventiva, questi sistemi sono:

ABS sistema antibloccaggio delle ruote, EBD sistema che ripartisce la forza frenante, ESP controllo elettronico della stabilità, ASR controllo della trazione.

Sicurezza passiva

La sicurezza passiva naturalmente risulta utile nel momento in cui si è verificato un evento negativo, cioè un urto più o meno violento. I sistemi di sicurezza passiva sono:

la carrozzeria a scocca portante, la quale è a deformazione progressiva cioè i paraurti sono praticamente elastici e la resistenza aumenta avvicinandosi all’ abitacolo il quale è indeformabile evitando il più possibile eventuali intrusioni di corpi esterni.

Le cinture di sicurezza hanno il compito di evitare che i corpi vengano sbalzati all’ esterno del veicolo, i poggia testa servono ad evitare eventuali colpi di frusta e proteggere il collo e la colonna vertebrale, i sistemi di ritenuta per bambini, gli air bag frontali, laterali i quali si frappongono tra gli occupanti il veicolo e le parti solide dello stesso

Questi risultano pericolosi se non abbinati all’ uso delle cinture.

alcuni vedeo che spiegano

Funzionamento ESP

 

Controllo elettronico della stabilità

Il sistema interviene in fase di sbandata regolando la potenza del motore e frenando singolarmente le ruote in modo da ristabilire l' assetto del veicolo. Questo dispositivo serve per correggere i fenomeni di sovrasterzo ( spostamento repentino del veicolo verso l' interno della curva dovuto a perdita di aderenza all' asse posteriore) e di sottosterzo ( comportamento anomalo del veicolo che durante la percorrenza di una curva tende ad andare verso l' esterno, seguendo traiettorie diverse da quelle volute dal conducente) che si possono verificare quando si effettuano improvvisi cambi di direzione evitando lo sbandamento.

Funzionamento ABS

 

ABS sistema antibloccaggio delle ruote, su ogni ruota fonica ci sono dei sensori che misurano costantemente la velocità di rotazione delle stesse, i sensori comunicano con una centralina elettronica la quale a sua volta comunica con una centralina idraulica.

Se una ruota tende a bloccarsi il sensore lo comunica alla centralina elettronica la quale attraveso la centralina idraulica interviene su quella ruota diminuedo lo sforzo frenante ed evitando così il bloccaggio della stessa garantendo una frenata equilibrata in qualsiasi condizione di aderenza.

Il suo funzionamento risulta lampante se dovessimo effettuare una frenata avendo diverse condizioni di adereza, esempio le ruote di sinistra su fondo asciutto e quelle di destra su fondo viscido o scivoloso, una frenata di emergenza in queste condizioni con un veicolo non dotato di ABS comporta un inevitabile testacoda, stessa frenata nelle stesse condizioni con un veicolo dotato di questo sistema noteremo soltanto piccoli scuotimenti laterali del veicolo che non si scompone e si arresta nel minor spazio possibile, sentiremo anche delle vibrazioni sul pedale del freno e del rumore, questi due fenomeni sono dovuti al funzionamento del sistema e non devono indurci a rilasciare lo stesso anzi dobbiamo continuare ad esercitare il massimo sforzo frenante.

EBD

RIPARTITORE DI FRENATA

Durante una frenata il carico sulle ruote è diverso specialmente in fase di brusche decelerazioni questo può far si che le ruote posteriori si blocchino  a causa del minore carico che determina una minore aderenza. Se si verifica questo fenomeno il veicolo diventa ingovernabile per via della mancanza di direzionalità tutto questo ci porterebbe verso un inevitabile testa-coda il ripartitore di frenata evita tutto questo specialmente in curva perchè alleggerisce lo sforzo frenante su una oppure entrambe le ruote posteriori evitandone il bloccaggio. Quindi il ripartitore di frenata integra il funzionamento dell' ABS ed è montato su veicoli dotati di questo sistema.

 

ASR

 

Sistema antipattinamento delle ruote motrici, in pratica è un sistema a controlo elettronico della trazione attraverso dei sensori posti sulle ruote che comunicano con un elaboratore elettronico. Quando le ruote tendono a pattinare il sistema interviene su alcuni elementi ( ABS-alimentazione motore), che variano a secondo del tipo di sistema, evitando il pattinamento. Questo meccanismo è utile per partenze su fondi stradali non compatti o scivolosi.